House history brani e video mitici ’80 House Music

house smile icon

Se pur l’house inizia la sua vera storia già nel 1969 quando un gruppo di giovanissimi amici ottiene la tessera di soci del club Loft, l’attico di proprietà del dj David Mancuso dove egli stesso organizzava dei party rimasti nella storia e nell’immaginario dei clubbers di tutti i tempi. Il carisma di David, la sua musica, quel senso di gioia sul dancefloor che a detta di chi l’ha vissuto è stato qualcosa di unico, quelle feste che si trascinvano anche per 24 ore mentre sulla stessa pista ballavano gay, etero, bianchi, neri, ricchi, poveri, aveva affascinato quel gruppo di amici che aveva deciso di dedicare la loro esistenza alla musica e al continuamento dell’opera di Dave Mancuso diventando dj.
Questi 3 amici si chiamavano Frankie Knuckles, Larry Levan e Nicky Siano. I loro nomi hanno segnato la storia del djing, perché sono stati i primi a sperimentare nuove strade in questo mondo. per prima quella del “beat mixing” che consiste nel sovrapporre il suono dei due dischi che prima vengono portati allo stesso “tempo”, ma anche (insieme ad un altro genio del djing come Francis Grasso) del remixing, tagliando letteralmente pezzi di nastro delle bobine di registrazione delle canzoni e incollandole insieme, più l’aggiunta di altri suoni provenienti da drum machines, utilizzate anche nei live, e insieme ai primi synt stavano cambiando il modo di comporre o creare musica.

Intanto Nicky Siano prende la consolle del “The Gallery” mentre Frankie Knuckles si sposta da NYC a Chicago, per diventare resident del “Warehouse”…nel ’76 Nicky Siano cerca di convincere Frankie Knuckles a trovare lavoro per Larry Levan (al momento disoccupato) all’interno di qualche locale di Chicago, ma Larry intanto ha già deciso: comprerà un garage all’ 84 di King Street e all’interno di questi organizzerà i suoi primi parties, il garage si chiamerà paradise garage e come avremo modo di vedere diventerà uno dei templi del nascente movimento house…….

Solo nel 1986 la house music finalmente diventa popolare in tutto il mondo anche se ancora il termine  house music era poco usato. Nell’estate del 1986  I Can’t Turn Around del progetto JM Silk diventa il primo disco house che arriva alla numero uno della classifica dance di billboard. Prima di questo si dice che il primo disco house in assoluto fù Your Love di JAMIE PRINCIPLE (1984) , uscito prima nel 1986 e poi nel 1989 (FRANKIE KNUCKLES) con versione cantata

Il primo disco house music ad arrivare primo in classifica:

Nello stesso periodo diventò famosa nelle discoteche “Move Your Body” di Marshall Jefferson: il primo disco house importato in Europa. Non è la versione che conosciamo tutti

A livello internazionale, tranne che per l’Italia, la svolta decisiva avvenne quando tra gennaio e febbraio 1987 “Jack Your Body” di Steve “Silk” Hurley arrivò alla prima posizione della UK Chart

Larry Heard lanciò “Can you feel it”. In Italia la conosceremo solo nel 1988 con 3 versione. Una strumentale (originale), Strumentale con spezzoni di cantati (jack house) e una con I’ve A Dream di Martin Luther King.

Can You Feel It

http://www.youtube.com/watch?v=8VE-XvuChFc

I Have A Dream


Altri grandi successi  della metà degli anni 80, che purtroppo in Italia non ebbero il loro degno successo, furono “Music is the key” di Steve Hurley, “No Way Back” di Adonis, “I Want You”

In Italia solo alcune di queste presero campo ma non con gli originali bensì con remix che riportavano parti di questi primi dischi house
Una famosissima è “You Used To Hold Me” di Ralphi Rosario, usata in molte canzoni successive al 1988

Altre che vennero remixate non so quante volte,  “Jack The Bass” (originale del 1985), “House Nation” e “Love Can’t Turn Around” di Farley “Jackmaster” Funk.

Sempre nel 1986, un altro disc-jockey di Chicago, DJ Pierre, inventò l’ acid house , un tipo di house costruita attorno alle ritmiche del sintetizzatore Roland TB-303. Il primo singolo del nuovo genere fu nel 1987 Acid Tracks dei Phuture

a cui seguì nel 1988 “Dream Girl” che sarà il singolo di maggior successo di questo nuovo stile di musica house

3 risposte a “House history brani e video mitici ’80 House Music”

  1. è super incompleta questa playlist…manca il meglio, avete inserito solo i più sputtanati, tralasciando i pezzi che realmente hanno segnato la storia dell’house

    1. Più conosciuti che sputtanati. Anche se i primi sono poco conosciuti se non in versione remixata
      ben lieti di conoscere quando omesso!
      ps: non è una playlist. Non si può in una pagina inserire 100 video a meno che si voglia far impazzire i visitatori ad attendere 10 minuti per aprire la pagina

  2. concordo con Ivan, ma concordo anche con Admin, tenuto conto che tutto non entrerebbe in una pagina, le HITS rappresentate, sono ben “eloquenti” della categoria:_) Sound’s Good!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *