CALCIO

in 4 anni…. 2 promozioni, secondo posto con juniores….2 coppe discipline figc…che vogliamo da me medesimo?

13165994_1748482208768363_5260122474176470324_n 13173815_1748483228768261_1869896848114509513_n

Nuova Avventura ..2015

Lo promisi a Lucio….categoria e giovanili!!! Lo scorso anno venni chiamato per Juniores e Allivei..io accettai ma alla fine nè juniores, nè allievi…..Qui ci sono Giovanili e scuola calcio…nonchè prima squadra!

Perfetto anche perchè a 500 metri da casa e col lavoro che faccio devo essere vicino ad un PC..
io ringrazio tantissimo chi mi ha chiamato in questi mesi, ma purtroppo la mia priorità è essere vicino a casa per cose personali e di lavoro….

dd

Il San Lazzaro Lunense riparte da Cristiano Gatti

L’ex direttore sportivo del Real Fiumaretta è un nuovo dirigente della società di Sarzana. Insieme a lui confermato per il terzo anno consecutivo in panchina mister Molucchi nonostante le molte richieste pervenutegli.

Sarzana – Comincia a muoversi il G.s.d. San Lazzaro Lunense in vista della prossima stagione. La società di Sarzana riesce a confermare il proprio mister per il terzo campionato consecutivo. Nonostante le numerose richieste sarà quindi ancora Cristian Molucchi il coach della formazione di Sarzana. La società riesce poi anche ad accaparrarsi un Direttore Sportivo dalle indubbie qualità tecniche ed umane, stiamo parlando di Cristiano Gatti che dopo una stagione al Real Fiumaretta e due campionati al Casano approda al “Cristoni” di Sarzana. Il nuovo dirigente avrà mansioni di mercato per la prima squadra, di formazione della squadra Juniores e di supervisione sul settore giovanile. Questo il comunicato ufficiale della squadra di Sarzana.

La società, nel fare un grosso in bocca al lupo a mister Molucchi, da un benvenuto al nuovo D.s. del San Lazzaro Lunense Cristiano Gatti. Quest’ultimo avrà l’onere e l’onore, con la collaborazione dell’attuale organigramma societario, di organizzazione la prima squadra, Juniores, e collaborerà con i dirigenti del settore giovanile. Incarico primario sarà quello di lavorare a stretto contatto con mister Molucchi e la Juniores.

Queste invece le prime dichiarazioni da neo D.s. del San Lazzaro Lunense per Cristiano Gatti:
Dopo una piccola pausa, ho notato che senza un campo da calcio sotto i piedi non mi sento a mio agio…sono quattordici anni che mi metto in gioco come dirigente e quei tre, quattro giorni, o forse anche cinque o sei, senza di esso non riesco ad essere la stessa persona né nel lavoro né in famiglia nonché con gli amici. La vicinanza del campo al posto di lavoro, era una priorità per me, il progetto interessante del San Lazzaro, un allenatore competente, la passione che ho visto negli occhi dei dirigenti, mi ha fatto dire sì! Esperienza interessante anche per il discorso giovanili e Juniores. Ringrazio il Vice Presidente Molucchi e tutta la dirigenza per la fiducia.

Interviste al Real Fiumaretta

Il presidente Caputo Andrea:
Quest’anno sulla carta sembra un campionato ancor più difficile dello scorso anno. La favorita per il primo posto dovrebbe essere Colli di Luni dell’amico Marselli, a seguire il Ceparana, Vecchio Levanto, Marola
A direil vero tutte le squadre, a partire dal Monver, si son rinforzate con pedine di valore e tutte le squadre hanno il loro “perchè” e daran vita ad un campionato sicuramente bello e combattuto.
Per quanto ci riguarda abbiamo cercato di fare una squadra equilibrata e valida. Per il primo anno contiamo diversi giovani in rosa. 8 giocatori sotto i 21 anni.
Non voglio parlare di promozione, di play off.
Scaramanzia o no, voglio solo passare un anno interessante e divertente godendomi il campionato di domenica in domenica.
Ovvio che i nomi presenti nella squadra non ambiscono certo a metà classifica
Faccio un in bocca al lupo a Gatti che dopo qualche chiacchierata ha scelto di rimettersi in gioco proprio con noi e al nostro nuovo Mister Polidori. In questi due mesi di pre campionato son molto lieto di affermare che sono una coppia affiatata e funzionale. Due pedine importanti per iniziare bene il nuovo anno.
Con Gatti son bastati 5 giorni in sordina per poi vederlo subito al lavoro. Creazione del nuovo Stemma della squadra, sito web online in 2 ore, pagina su Facebook e twitter. Per lui, e lo sapevo, la comunicazione e l’organizzazione nonché l’immagine sono alla base di tutto…immagine poi ottemperata dall’organizzazione. Avevamo in progetto una squadra di Allievi ma purtroppo le economie dettate dai budget e anche dalla struttura campo non lo permettevano. Peccato….ci tenevamo molto a questa nuova avventura.
Un ringraziamento speciale và al nostro Grande Patron Molinaroli della Copra Elior
Allenatore POLIDORI:
un grazie a Caputo per la fiducia. Questo è il terzo anno per me con il Fiumaretta e penso che la gavetta possa aiutarmi moltissimo in questo anno di campionato. Non sarà semplice sicuramente
viste le squadre che si presentano. Non mi piace parlare di favorite, penso solo al mio lavoro di giorno in giorno, di domenica in domenica. Sono conscio che ho un peso importante sulle mie spalle che solo con la passione, la volontà e l’aiuto della società, che ad oggi è perfetto, riuscirò nel mio intento e cioè preparare i ragazzi alle sfide di questo 2014/2015
Il mio pensiero và a Vaira che purtroppo ha subito un brutto infortunio proprio due settimane fa e a Buonpensiere che purtroppo potrà iniziare gli allenamenti tra molti giorni a causa di un problema di salute.

 

Dirigente Cristiano Gatti.
Mi dispiace ma non parlo del passato. Devo ancora uscirne del tutto, un pò come da una difficile storia di amore…e non scherzo:)
A fine campionato Juniores, ringrazio ancora tantissimo quei stupendi ragazzi e Mr Lucchesini, avevo già preso la decisione di chiudere col calcio mettendomi da parte come ampliamento dichiarato a suo tempo.
A metà Maggio venni chiamato dalla dirigenza del Fiumaretta e decisi di rientrare molto in punta di piedi e soprattutto come l’ultimo dei dirigenti accompagnatori. Col lavoro che faccio devo “staccare” e purtroppo o per fortuna solo questo mondo mi dà questa possibilità.. … son bastati pochi giorni e il Presidentissimo Caputo mi convinse ad organizzare un po’ di cose…come dire di no? Son ripartito subito grazie alla fiducia di un organico societario valido, ragazzi che mi han subito messo a mio agio e un allenatore con idee molto chiare e con una passione “smodata”.
Una parola la voglio spendere volentieri per colui che quest’anno oltre ad occuparsi della preparazione dei giovani portieri, si è messo gentilmente a disposizione di Mr Polidori come allenatore in seconda. Bertolla Giacomo . Un ragazzo serio e volenteroso che vuole arrivare a centrare il bersaglio senza però bruciare le tappe ma facendo anche lui la giusta gavetta. Personaggio di altri tempi per serietà e volontà. Da 2 anni ha il cartellino da allenatore ma non si è montato la testa perchè, con intelligenza, come detto, non vuol bruciare le tappe bensì sfruttare le situazioni e prepararsi al meglio…cose che in questo calcio dilettantistico purtroppo mancano.
Staff tecnico giovane, volenteroso e umile, componenti sicuramente importanti per il loro futuro. Un grande in bocca al Lupo a bertolla e Polidori.

Obiettivo primario è quello di lavorare e consolidare ancor di più un gruppo. Vero che vi sono 11 nuovi innesti ma vi è anche uno zoccolo duro molto importante e di qualità. 22 titolari!
I risultati saran una conseguenza del lavoro che si andrà a svolgere e di come questo gruppo si consoliderà.
Le armi le abbiamo adesso tutti insieme dobbiamo lavorare per utilizzarle al meglio. Solo noi stessi possiamo decidere il nostro futuro.
Grazie ancora a tutto lo staff del Real Fiumaretta…A DANIELE, A PAOLO, AL PUTTI, AI DUE mitici GIOVANELLI, A MAURO!!

BASTA!

SCONTISSIMI AGOSTO ! FUORI TUTTO!!
prima di partire con quanto volevo dire, faccio una premessa  mi scuso prima di tutto con i ns clienti che fino a qualche giorno fa acquistavano a prezzo normale. Vero che si inviava sempre un omaggio, però la differenza di prezzo è evidente dall’oggi al domani, ma queste cose le fanno anche nei negozi normali (abbigliamento). Mi scuso con loro perchè in questi mesi ci han dato fiducia e penso la collaborazione era buonissima ma purtroppo la notizia unica arrivata da chi di competenza è stata “prendiamo tempo” “pubblicità occulta anti e-cig” “ecc”. BASTA!b) Per la precisione lavorando anche con i rivenditori, ai quali abbiamo sempre applicato sconti superiori all’utilizzatore finale e Mai il solito prezzo, abbiamo giustamente notificato prima a loro la cosa agevolandoli con prezzi idonei ma poi la rabbia e la frustrazione è totale che abbiamo deciso di inviare il messaggio anche agli utilizzatori finali. Fiscalmente e legalmente la situazione è assurda qui in Italia pertanto dopo tanta santa pazienza e spese abbiamo deciso.

c) mi scuso con l’admi del sito nel caso possa ledere qualche regola. Non è mia intenzione. Nel caso cancellate pure il post. In 1 annoe mezzo mai abbiamo postato il ns shop ma solo letto il forum e come detto nella presentazione, vi ringrazio perchè senza il Vs lavoro sarebbe stata ancor più dura per tutti

Ecco il comunicato sul SITO www.revolshop.com

E’ arrivato il momento del*FUORI TUTTO fino ad esaurimento scorte*presso il magazzino italiano!*
Non ne possiamo più, dopo ultime news, di questa situazione assurda che oramai dura da 380 giorni. Altri 2 mesi dall’ultima promessa di LEGGE!!! Per seguire le regole italiane abbiamo aperto una sede fiscale italiana costata il doppio della sede in Londra. Per seguire le regole tutta la merce venduta in ITALIA l’abbiamo fatturata, per non fare esterovestizione, con la ditta ITALIANA e continueremo fino ad esaurimento stock. Per seguire le regole abbiamo mantenuto prezzi di mercato ASSOLUTAMENTI IDONEI!*E poi cosa ci offre il mercato italiano? Una dogana che blocca chi dichiara la realtà sulle bolle, chi dichiara il vero valore delle merci, una legge insulsa e soggettiva che mette a repentaglio chi vuole lavorare onestamente tartassandoli leggiferando con assurdità senza però poi far applicare le regole a chi vende dall’estero. Per assurdo noi dobbiamo stare alle regole o provarci mentre il mercato italiano affonda, in Europa stan facendo i “quattrini” con la ns pelle. Noi avremmo potuto vendere dagli UK direttamente ma in tal caso non saremmo stati consoni alle leggi….chi è preciso la prende in quel posto!**ADESSO BASTA ITALIA! DA OGGI*fuori tutto*e forse quando lo stato ITALIANO prenderà una decisione definitiva sulle leggi, quando tutelerà chi lavora in armonia con le leggi stesse senza NON colpire chi và contro le leggi o eludendole,**ci rimetteremo in gioco in questo paese.
TUTTA LA MERCE è stata scontata al prezzo di realizzo. STANCO DI ATTENDERE I COMODI DELLO STATO E ACCETTARE CHI LAVORA in modo poco sobrio! CORDIALI SALUTI!*
LIETI DI rifornire il magazzino non appena lo stato ITALIANO farà gli interessi delle Aziende*legali! *BUON MONOPOLIO ma nel caso fatelo funzionare…decidete una volta per tutte, non si può vivere senza sapere di preciso come lavorare caro Stato Italiano.***
I PREZZI SONO COMPRESA IVA!!!*

GRAZIE E SCUSATE DELLO SFOGO E DI AVER pensato di lavorare in Italia

Conclusione 13/14 e grazie a tutti

Campionato finito. Risultato negativo, molto negativo, contro ogni previsione iniziale.
L’ultima giornata di campionato ha sancito la sconfitta di risultati e la sconfitta di ciò che ha fatto invidia ad alcune squadre in questi due anni….il gruppo, la forza del gruppo. Ciò che in queste categorie conta più di ogni altra cosa.      Avevo un bel progetto che presentai nel 2011 (è ancora in ufficio ciò che scrissi, nel cassetto a destra) e fino a novembre era quasi del tutto ottemperato e c’era ancora da lavorare molto. Casano ben conosciuto, Casano vincente ma non per i risultati bensì per il gruppo formato, un rinnovo del campo, una juniores,  un futuro dato da uno zoccolo duro di giocatori (così doveva essere), e se le cose andavano come dovevano (aiuti esterni per sistemazione campo) anche una giovanile.  Le cose erano perfette. Bello!!! UN SOGNO!
Piccola realtà ortonovese “cugina” con l’Ortonovo Calcio che ringrazio ancora per l’aiuto dato l’estate passata.   Erano 14 anni che ero in quel campo, prima come presidente, poi come dirigente – gestore attivo del campo del Casano (prima e Juniores)….per finire come non so cosa. Dove sono nato…muoio e chiudo con gran dolore perchè per me quel campo era tutto, il modo per uscire dal limbo del lavoro, dalla quotidianità lavorativa che a volte ti stressa troppo. Quante battaglie in quel campo, campionati vinti.  Una valvola di sfogo stupenda che mi dava modo di fare ciò che mi piace tantissimo, stare con gli altri, guardarli giocare, divertirsi. Mi ha fatto conoscere genitori speciali, tifosi spettacolari, tante tante persone.   Alcuni credevano che fossi io il Casano, ma ribadisco che non lo sono mai stato, giustamente, perchè non ne ero nè fondatore nè presidente. Entrai su richiesta per aiutare a sistemare alcune cose e solo dopo 12 mesi i giornali parlavano di noi spesso nel bene, dopo 22 mesi vi erano una juniores in piedi, un campo ristrutturato nei limiti del possibile, una prima categoria e un gruppo totale di 48 ragazzi. Aiutato il Casano come sponsor e come lavoratore attivo insieme alla mia famiglia. Tutto era per il Casano e il campo. Per noi avere 48 figli era una soddisfazione immensa ed esagerata. I miei figli gioivano e si dispiacevano più per il  Casano, come succedeva anche per il Pachà in passato, più che per la loro squadra di serie A.
Forse troppo e il troppo stroppia (ne sono comunque orgoglioso e fatto tutto volentierissimo), non a caso una delle critiche che ricevetti a novembre fù “rilassati, devi prendere tutto come un hobby”. Per me non è un hobby, è una passione e non faccio le cose a metà, o le faccio o non le faccio..come in pratica ho dovuto fare da gennaio e, a metà, da novembre.
Per me il Martedì e il Venerdì erano i giorni più importanti e belli.
Si sapeva che ero così! Non a caso ero stato chiamato per fare! e non giocare! anche perchè se usi la filosofia dell’hobby non si crea nulla, non puoi dar un punto fermo ai ragazzi. Le squadre girano se supporti i ragazzi al 200%. Sappiamo come son i giocatori ma ciò conta poco. Loro ti fanno felice con un sorriso, ti distruggono con una chiacchiera, ma sono i ragazzi che ti possono fare la squadra vincente a livello umano e poi anche a livello di risultati, ma  devi lavorare insieme a loro. Loro vengono per giocare e mettere in pratica la loro passione, e tu devi dimostrare più passione di loro…arrivando al campo anche 2 ore prima per controllare che tutto sia ok, poi se tua moglie ti aiuta ad aggeggiare anche gli spogliatoi (ricordate le foto??) è una goduta unica. Mi scuso con i ragazzi se ad un certo punto le maglie non erano più al loro posto ma cercate di capire…se non lo capite mi spiace.

Finalmente la stagione è terminata e posso nuovamente dire qualcosa visto che non posso più INFLUENZARE i risultati del Casano con foto, blog, parole, riempimento boracce, ecc…la gramigna può parlare!!
Per fortuna che qualcosa di buono lo porto a casa (il sorriso di Luchino e tante altre belle cose)

Visto che arrivano domande e chiacchiere e sono stanco ho deciso di scrivere come è mia abitudine fare.
Il sito a prescindere da tutto è mio, da me gestito, da me personalmente pagato, da me creato, e lo uso come meglio credo ora che POSSO DI NUOVO DIRE E FARE quello che voglio senza aver la paura di “influenzare” i risultati e l’andamento….poi anch’esso seguirà le mie sorti..
Da novemebre, come detto, e ancor di più da gennaio, questo blog è stato fatto diventare un posto virtuale ridicolo inutile che non ha avuto assolutamente senso come tante cose. Un qualcosa di molto anormale che persino gli esterni se ne sono accorti pensando che Gatti era “ammalato”! sicuramente lo ero e lo sono..di scemenza cronica e lo star male!! Mi dispiace solo che qualcuno ha goduto un pò troppo della mia sofferenza!!
Mi domando ancora che male facesse…quali problemi creava il far due foto e scriver due cazzate come sempre fatto dal primo giorno che sono entrato come dirigente nel 2011…e ho sempre fatto in passato.
Ho tenuto dentro tanto, tantissimo, troppo e ora fine! Lo scribacchino, fotografo, porta borse, lava spogliatoi, lava calzini, ipocrita, falso, controllore livello gas, idraulico, stura merda, pulizia fogna, loculo caffè (grazie di esserci stato se no era un casino con i conti.. cazzo!), eccc…ora, che non può nuocere più a nessuno essendo finito l’anno, si sfoga un pò, ma non al baretto o sotto sotto…Avrei preferito dire la mia tra due settimane, porca zozza, e vedere il Casano ancora in prima dove c’eravamo arrivati con TANTISSIMA FATICA, e non passare l’ennesima DOMENICA E LUNEDI E MARTEDI E MERCOLEDI ecc DI MERDA!!! IO!! Adesso, dopo tanto tempo e tanto ingoiare, un piccolo e limitato sfogo con la mia verità, concedetemelo!! …. quella verità che i dirigenti del Casano conoscono benissimo (tutti) da tanto tempo e ribadita 2gg fà e messa anche per iscritto in passato. Continuerò a soffrire di quanto capitato e a mangiarmi le mani per non aver lottato fino in fondo, ma litigare per il calcio non ha senso, come non ha senso per altre cose. Ma non sapevo che le cose erano cambiate.

Visti i risultati poco positivi della squadra, si decide tutti insieme di fare una riunione, come capita in ogni SOCIETA’ calcistica e di valutare la possibilità del cambio allenatore
Quando qualcosa non và, si prova a discutere e poi a cambiare l’allenatore se pur bravo e serio
MAMMA MIA!! SUCCEDE la rivoluzione a fine riunione!! ERA il 12/11/2013…. BASITO!
RILEGGETEVI QUESTO !!!!!!!! LINK>  (mi scuso se vi son errori, rileggendolo ve ne sono molti in italiano…ma era lo sfogo..l’unico pubblico fino ad oggi…gli altri son tutti protetti da password)

Nei sette giorni successivi esco quasi di scena come feci su whatsup, quel gruppo che creai per tenere i contatti con la squadra…non aveva senso che ero lì dopo quanto capitato. Devo riflettere e capire come riordinare la mia situazione di quel momento. Purtroppo o per fortuna, non potevo uscire del tutto dal Casano, troppe e troppe cose da portare avanti se pur non dovevano essere solo miei oneri.  Non volevo lasciare nessuno nella merda su alcuni aspetti. Decido di rimanere e per assurdo adattarmi. Mai avrei lasciato quei ragazzi che tanto mi avevano comunque dato (NON DI RISULTATI che non contano un cazzo) e il campo che per me è storico ed è stata la mia casa e motivo di orgoglio.
Chiedo un colloqui con MR e chiedo cosa devo fare, si parla e mi chiarisco e chiedo anche consigli e aiuti.
Bene…felice e contento. Tutto sembra risolto ma alcune cosette non sono del tutto ok e vengo anche colpito per vie traverse.  Solo dopo 20gg accade qualcosa di veramente grave contro di me alla fine della partita dell 08/12/2013, casualmente quando tutto sembrava andare benino. Non ne parlo con nessuno ma informo solo il Presidente e chiedo consulenza ai carabinieri.  E stò zitto! e zitto!!! e ingoio! Ieri è stato informato anche Marcesini dell’accaduto.

Andiamo comunque avanti “felici e contenti”…. io per niente perchè non stò facendo ciò che mi piace e ciò che deve essere fatto e perchè soprattutto vengo distaccato dal gruppo. Mi adatto un pò alla situazione richiesta e visto l’andazzo lo faccio contro ogni mia logica di gruppo, di come ho sempre lavorato da anni! Metto comunque in evidenza che così si andrà a finir male.

-Gennaio
Passano le settimane, le sconfitte arrivano una dietro l’altra, qualche ragazzo si lamenta, qualcuno esce di squadra.
Dopo la sconfitta pesante di Genova ci riuniamo e in prima battuta decidiamo (i presenti) per l’esonero.
Ogni squadra ha il suo allenatore, ogni situazione ha un allenatore che può andare bene o male a prescindere dalle grandi capacità e serità che ha. Qui non erano in ballo le capacità dell’allenatore e la serietà dell’allenatore…ci mancherebbe!!! tutto il rispetto. In ballo vi era  il tentar di far qualcosa come han fatto tante società che poi han avuto risultati negativi ma altre positivi. La staticità ti porta solo nel limbo. Un allenatore potrebbe dare di più con altri personaggi e meno con altri ancora. Sono cose normali. Comunque poco prima della fine della riunione, un dirigente decide anzi di chiedere alla squadra!  Io non sono d’accordo e ne prendo le distanze visto che è una responsabilità della società e un onere troppo pesante per la squadra. Io non voglio fare il Ponzio Pilato!
La squadra fà la sua giusta scelta e stop! a quel punto si deve lavorare per agevolare la loro decisione e l’allenatore deve avere il supporto da parte di tutti. Ma come darlo anche a provarci?
Ma dato il persistere, il perpetrare e il peggiorare di un clima di merda, l’impossibilità di lavorare normalmente (soprattutto il venerdì), il non venir salutato, ma soprattutto la mia inutitlià nell’organico della prima squadra, e l’ultima che capita il 02/02/2014 dopo che proprio le settimane precedenti avevo provato a dare piccoli aiuti, chiedere consigli agli altri, chiedere cosa c’era di errato eventualmente in ciò che facevo e non facevo, decido di dedicarmi solo alla juniores e alla gestione del campo promessa alle altre squadre. Tutto qui!! Fino alla fine presente ad aprire e controllare, senza rompere I COGLIONI  a nessuno! Dò noia, mi metto da parte! stop! basta! Devo ottemperare a degli impegni con altri e faccio quelli..sono a completa disposizione per dare una mano come l’ultimo dei dirigenti…stop! soffro come un animale a non entrare mai in campo, a non vivere la prima categoria che anche io mi ero meritato e a non vivere con i ragazzi…etcc…ma questo è voluto e io ho eseguito…stop! provato anche troppo a fare la persona educata ma alla fine ti rompi le palle! E che cazzo! Scusate i termini
Sicuramente i miei errori li ho fatti, come è normale che sia, basta conoscerli…e non penso che mangiavo qualcuno se mi venivano detti. Ne ho fatto uno, parlato e scusato più volte (03/11/2014)

Passano i mesi e capitano altre cose che non stò qui a scrivere in quanto ridicole, sciocche, vergognose ma per rispetto nei Blues Boys, Juniores, Orione, amatori e degli ultimi ragazzi che vogliono allenarsi e l’allenatore che con gran serietà porta avanti la squadra, mi presento ancora al campo ogni giorno…fino a domenica scorsa ..domenica nera per me vedere il  Casano in quelle condizioni.

Questo è solo una piccola parte di quanto realmente avrei da dire e da raccontare ma non tutto si può dire. BEAUTIFUL a quanto visto e vissuto gli fà na sega!
Si prega cortesemente di non permettersi MAI PIU’ di dire che il loculo caffè era gestito da noi come persone. IL LOCULO CAFFE’ doveva essere gestito come CASANO a livello di lavoro, utile, come è stato, a tappare tanti conti insieme alle altre squadre. Che poi ci sia ritrovata la solita cogliona di turno a fare tutto come pure a fare la lavandaia a tempo pieno senza manco ricevere un GRAZIE è un altro discorso. NON permettetevi mai più!!! INFAME ma più che altro vigliacco! chi si permette di dire certe cose. Solo GIANFRANCHI ci ha dato una mano durante l’anno con il suo lavoro il sabato e la domenica.

Il mio grosso rammarico è che nessuno ha mai voluto confrontarsi, parlarsi e chiarirsi con me…questo è strano!! Solo il tato ci provava..ma invano…chiacchiere e tempo dedicato a scrivere per nulla…
Solo con Beggi e i dirigenti…questo altro errore…dovevo far come sempre, parlare con i ragazzi
ma non potevo per alcune cose capitate

Comunque ringrazio tutti anche perchè qualcosa ho imparato.

Ringrazio mia moglie perchè ogni giorno fino a 1 settimana fà è venuta al campo per coadiuvare il Casano e mia figlia (rispondo a uno per iscritto…si! lavava le maglie e i calzini della prima e della juniores..non potevamo permetterci di pagare sempre 15 euro di lavanderia!! pagati 2 volte per forza perchè le maglie erano in condizioni pessime…benedetti sintetici di Genova)

Ringrazio Sebastiani per la possibilità che mi diede nel 2011 di fare questa esperienza e per essersi dedicato sempre alla burocrazia

Ringrazio ancora Marcello Grassi che ha dato molto al Casano in 1 anno e mezzo.
Il valore aggiunto del CASANO, unico vero valore aggiunto visto il suo Curriculum ma che con umiltà ha fatto il suo lavoro fino ad agosto 2013

Ringrazio Nando, Massimo, Paolo per essere stati sempre presenti il sabato a fare da “controllori” al campo dalle 14 alle 20.00/21.00 di sera….e si!!!

Ringrazio i ragazzi dell’Orione, gli amatori, la juniores per avermi fatto passare tanti giorni bui con maggior allegria

Ringrazio tutti coloro che grazie all’uso del “polveron coffe”, nonchè le altre squadre,  hanno fatto in modo che il Polveron potesse ancora esistere e pagare le immani spese sostenute quest’anno e spero che il lavoro svolto questa estate non sia vano

Ringrazio Gianfranchi per l’aiuto che ha dato il sabato e la domenica mattina con le sue forniture e le mute, ect…il Casano e il campo ringraziano

Ringrazio Gentile, De Luca, Fusani, Lucchesini, Massi e Nando, persone che hanno fatto le condoglianze a mia moglie in quel brutto momento. Ringrazio nuovamente Lucchesini che si era prestato a sosituirla al campo visto il lutto e la spola all’obitorio….ma forse stare al campo l’han aiutata a non pensare!! Altro momento BUIO duro da digerire..molto duro…umanamente schifoso per quanto ricevuto.

Ringrazio Max Laghi per avermi fatto conoscere altri 10 ragazzi favolosi

Ringrazio Corallo e Pastine….la Juniores e MR Lucchesini..grazia davvero

La prossima esperienza calcistica (2014/15), sempre che mi torni la voglia, sarà solo con chi “patti chiari amicizia lunga”, ognuno il suo compito ben preciso, chi lavora parla….tutti tutelano gli altri
Ovvio che le condizioni vissute impongono un mio allontanamento, tanto non c’è più “nè da aprire, nè controllare, nè lavare”.  

Vi auguro un 2014/2015 pieno di soddisfazioni calcistiche ma, cosa più importante, e lo sapete tutti, umane

Ringrazio
Ore 12.30 Cristiano Gatti

UN abbraccio a chi ho voluto un bene dell’anima e gli auguro un gran futuro
Patrì sempre alla mia sinistra, il TAVA per la’iuto dato, Bastre il passerone, Gigione, il vero bomber Cervia, Stè Cupo alla mia destra e non dimenticherò mai, De lu e Delbia, il Monfro che fu il mio primo acquisto, lo sfigato Menche, Torri a cui ero legato anche per motivi che andavano oltre, il Passa che mi faceva morire, il Verga e il Virga..ahahah…,il Merlo il migliore a scuola, e tutti i Juniores (anche chi è salito in prima ovviamente e ancor di più) che ringrazio ancora per tutte le loro parole che mi han inviato e aiutato a tenere duro..Fabione il gentil uomo e tutti quelli che venivano a casa mia. Mi scuso con loro e solo con loro se non son riuscito ad essere e a fare ciò in cui credevo e per cui ho provato a battermi fino all’esaurimento totale…sfinito e a terra.

Comunicato…bellla juniores

Dopo un 2012/2013 di prima esperieza con un risultato spettacolare, finisce anche un 2013/2014 di una nuova esperienza con il sapore ugualmente spettacolare.
Era agosto, e mentre facevamo i murattori e gli spazzini, mentre altri erano in vacanza, si creava per la prima volta la Juniores. Gli aiuti, a parole, eran tanti (MA QUANTI!!!!!!!) …promesse tante…..ma poi alla fin fine chi doveva non diede e allora a rimboccarsi le maniche, a rompere le scatole in giro visto che l’impegno in sede FIGC era stato dato.! Per questo nuovo e diffcile obiettivo lascio con rammarico ma sicuro che tutto sia proteso al futuro, dopo 12 anni di presidenza e tanti obiettivi raggiunti soprattutto negli ultimi 6 anni, i miei cari Amici del Pachà! L’impegno era grosso, nuova esperienza, nuove facce. Per la prima volta esperienza con ragazzi giovanni e non più con gli over 25/35. La paura è tanta! In 10 giorni si riesce a metter su una squadra. PRIMO A DARCI FIDUCIA MARCHINI! Trovo due collaboratori da leccarsi i BAFFI:”CORALLO GIORGIO e PASTINE ENRICO”. Si sceglie Lucchesini come Mister..andando contro corrente… Lucchesini CAPITANO storico del CASANO si pensava fosse la giusta soluzione! Iniziamo le amichevoli e i tornei. Vinciamo tutto ma rimaniamo con i piedi per terra. I ragazzini under 19 sembran davvero seri e volenterosi. La prima partita si pareggia. Alla fine dell’andata siamo primi insieme alla corrazzata Calvarese e in rosa ancora in 15/16. Tutti e 15 hanno fatto una partita. Tutti han giocato. Nessuno può reciminare qualcosa. Non volendo rimandare una partita, ci presentiamo contro la Calvarese con Luchino in porta e senza cambi. Non ci interessa. L’importante finire l’andata e non lasciare partite indietro e non è mia abitudine chiedere di rimandare partite perchè siamo in pochi e senza portiere…Torniamo a casa con un 6 a 1 ma orgogliosi e uniti come non mai perchè abbiamo fatto il ns dovere contro una squadra di tutto rispetto. Perdiamo per la via Pezzini (ospedale) Fornelli (ospedale) Elia (prima squadra con Orgoglio e poi ospedale) Andrei e Bianchi (varie), ma continuiamo il ns percorso. Ultime partite orgoglio ennessimo perchè anche Soldati passa in prima squadra insieme a Giannarelli e a Corvi. Ultime 4 partite ci troviamo sempre mezzi rotti e in 11 ma le affrontiamo da gruppo solido. Perdiamo, pareggiamo e poi vinciamo alla grande le due partite più importanti. Manteniamo il secondo posto, la miglior DIFESA e tutto grazie a questi ragazzi che sembran la copia del gruppo visto l’anno precedente. Ragazzi che in 11 entrano in campo, che rimangono in campo, come oggi, con dolori alla schiena e alle gambe, e giocan con una gamba perchè tengono ai loro compagni. Corallo che ambiva ad essere il capo cannoniere aretra in difesa dove Bruschi, Tavarini oramai non riescon più a camminare. Gioele che vorrebbe far goal si posiziona a centrocampo anche lui con uuno stiramento. Menconi che vorrebbe fare la doppietta, và a fare il centrale perchè oramai in difesa era rimasto solo Luchino e Marchini, due che avevano iniziato in sordina ma che poi si son rivelati essenziali se pur il motto era “tutti giocano”. Forse proprio questa filosia li ha aiutati a crescere. Ricci che rimane in campo senza lenti a contatto che ha dovuto togliere per la pioggia (non a caso ha tirato 6 vole fuori dalla porta ma quando le aveva ha preso un palo e ha fatto due goal). Luchino oggi capitano è una delle ns bandiere. Da entrare per soli 2 minuti nella prima partita di andata perchè gli avversari non volevan attendere il portiere CORVI, a giocare 90 minuti fissi. Parodi che ha sempre giocato con i dolori. Valeriano che ha trovato casa, come dice lui.
Palma che in sordina si è preso un posto fisso a centro campo. Martinelli che avrebbe potuto fare il salto di qualità viste le sue potenzialità ma non è ancora detta l’ultima parola. Taucci che fino a prova contraria ha contribuito insieme a Pezzini a questa grande difesa. Corvi-Giannarelli-Soldati, tre perni della Juniores che poi per orgoglio di tutti, SOPRATTUTTO DI Lucchesini, son entrati in prima squadra insieme a Fornelli prima ed Elia dopo.
Ma cosa si può voler di più da chi ha voluto seguirci? Adesso l’invito di martedì scorso, si spera, venga preso in pieno e vi aspettiamo martedì al campo per continuare il vs possibile cammino meritocratico con la prima.
Il tutto è stato possibile grazie ad un super Corallo Giorgio, Pastine Enrico, Maurizio, Lucchesini, e tanti ragazzi. GRAZIE DI CUORE, ma ricordate…i risultati nella vita, in queste categorie contan poco…l’importante esserci con la testa, il fisico ma soprattutto col CUORE!! Il cuore è la base di tutto a questi livelli