Gatti lascia la sua creatura dopo dodici anni

Ortonovo – Dopo dodici campionati da Presidente ed, in alcuni casi, da allenatore Cristiano Gatti lascia la sua squadra Uisp Amatori per Lucio che nel corso delle stagioni ha preso anche le denominazioni di Bar Pachà e Hostingplan. Un divorzio che era già nell’aria da qualche periodo dopo che il bravo dirigente era sempre più impegnato nell’attività di Direttore Generale con il suo Casano neo promosso nella 1° Categoria F.I.G.C. di La Spezia. La squadra, che porta il nome dell’amico Lucio (tra l’altro ex allenatore) tragicamente scomparso l’anno scorso, continuerà comunque la sua attività iscrivendosi per il quinto anno consecutivo al campionato di 1° Serie della Uisp. Queste le parole di Cristiano: “Ho avuto soddisfazioni stupende. Ho ricevuto molto e penso dato tanto per questa mia squadra di amatori. In quest’ultimo anno e mezzo se pur son entrato a far parte di altra società, ho comunque portato a termine i miei impegni dando il massimo, anche se qualche volta in me si stava insinuando il desiderio di dire “basta, il mio ciclo è finito”. In questi ultimi periodi ho visto finalmente crescere persone che da giocatori della squadra si sono promossi come dirigenti pronti a tutto per portare avanti questo bel “giocattolo”. Come annunciai a suo tempo, fino a fine agosto non sapevo di preciso cosa fare, ma le chiacchiere di un mio addio già da giugno/luglio hanno reso le cose solo più complicate creandomi qualche fastidio. Come accade per i figli e per le persone a cui vuoi bene, è arrivato il momento di tagliare il cordone ombelicale e mettersi da parte per lasciare libero campo e libero pensiero, pronto eventualmente ad intervenire su richiesta. Nulla è deciso per qualcosa contro qualcuno o perchè oramai non amo più questo settore (amatori), ma i progetti nella vita cambiano e da quest’anno diverse cose son in ballo per il mio piccolo futuro nel calcio e non posso stopparlo soprattutto ora che sono conscio che voi siete in grado di andare avanti da soli al 100%. Ora devo prender per mano, lo sapete e ora ne ho conferma, nuove cose non autonome come voi e per i troppi impegni assunti potrei far solo dei casini. Non sarà semplice per nessuno, ma la passione e la voglia vista in questi giorni nei vostri occhi è la base del futuro. E’ mio piacere pertanto omaggiare il titolo di prima serie, la squadra che mi ha dato tantissimo in questi 12 anni, ai ragazzi che han deciso per fortuna di portare avanti questa splendida creatura. In bocca al lupo al nuovo presidente, ai nuovi dirigenti e a tutti i ragazzi“.